Skip to main content
  1. Home >
  2. About Fujitsu >
  3. Case Studies >
  4. Case Studies Italia>
  5. Università Mediterranea di Reggio Calabria

Università Mediterranea di Reggio Calabria

"La piattaforma realizzata attraverso questo progetto pone l’Università Mediterranea all’avanguardia nella dotazione strumentale ed infrastrutturale per la ricerca agroalimentare."

Santo Marcello Zimbone Direttore Generale, Università Mediterranea di Reggio Calabria

Il cliente

L'Università Mediterranea di Reggio Calabria è attiva dal 1967 e conta oggi sei dipartimenti e oltre ottomila studenti. Oltre alla storica sede centrale, quasi tutte le strutture dell'Ateneo sono collocate all'interno della moderna Cittadella universitaria, che accoglie le strutture didattiche e amministrative, i dipartimenti e 60 laboratori. L’università si propone di promuovere la crescita della Calabria e del paese attraverso la ricerca, la formazione e la qualità dei servizi agli studenti e al territorio, l’innovazione, il trasferimento di tecnologie e di competenze professionali in collaborazione con soggetti economici e sociali, la cooperazione con Enti di ricerca e Istituzioni nazionali e internazionali.

La sfida

Negli ultimi anni, l'istituto ha promosso nuove linee di ricerca, soprattutto nell'ambito delle tecnologie agrarie e, sull’onda dei temi trattati da Expo 2015, ha dato vita a un’infrastruttura di ricerca sul modello europeo denominata Saf@med, il cui ambito tematico è riconducibile all’influenza dei cambiamenti climatici sulle produzioni agricole e agroalimentari, nonché sulla loro sicurezza. Le stime di impatto operativo dell’infrastruttura, sia sul territorio di appartenenza quanto sulla comunità scientifica internazionale. hanno reso necessario un impegno straordinario della struttura IT dell’ateneo, che, per dare risposte adeguate, ha provveduto a razionalizzare le risorse del data center, adattandole alle esigenze dell’infrastruttura.

I benefici

  • Soddisfazione dei requisiti indispensabili per il supporto al progetto di ricerca Saf@med.
  • Consolidamento dei sistemi e drastica riduzione delle ore-uomo dedicate alla manutenzione.
  • Consistenti risparmi energetici in termini di consumi e raffreddamento.